Gli incontri

Truffe agli anziani, conoscerle e prevenirle: i consigli del Comando Provinciale Carabinieri di Barletta-Andria-Trani

Incontri organizzati dai Carabinieri della Compagnia di Barletta
Quattro gli incontri tenuti tra giugno e luglio dai militari dell’Arma in alcuni comuni di Bat ai quali hanno preso parte oltre 300 anziani, accompagnati dai loro familiari
scrivi un commento 46
Incontri organizzati dai Carabinieri della Compagnia di Barletta
Incontri organizzati dai Carabinieri della Compagnia di Barletta

Aiutateci ad aiutarvi. Questo lo slogan e il monito con il quale i Carabinieri della Compagnia di Barletta hanno aperto gli incontri, organizzati in alcuni comuni della BAT, volti a sensibilizzare gli anziani e i loro familiari sull’odioso fenomeno delle truffe. Un messaggio chiaro, sintetico e conciso, con il quale l’Arma vuole raggiungere una fascia della popolazione particolarmente esposta a rischio, rafforzando e ribadendo l’idea che le Istituzioni sono sempre, costantemente al fianco dei cittadini.

Dall’avvocato al finto tecnico del gas, passando per l’impiegato dell’Enel. Sono davvero moltissimi i trucchi usati dai malviventi per entrare in contatto con gli anziani, tentando di estorcere loro denaro e preziosi. Se è vero che ogni anno le truffe agli anziani rappresentano un’emergenza è altrettanto vero – spiegano i militari della Compagnia di Barletta, che il loro contrasto rappresenti una priorità assoluta.

Anche d’estate il buon senso non deve andare in vacanza. I truffatori non lo fanno mai: ecco allora qualche consiglio per tenerli lontani e sventare eventuali tentativi. I Carabinieri, sulla base delle esperienze maturate sul campo e delle denunce raccolte, hanno stilato un elenco di consigli utili per evitare le truffe agli anziani.

In primis, come si legge sul sito internet dell’Arma: “Attenzione alle occasioni, iniziative, offerte, all’apparenza assai vantaggiose, se tali vengono presentate con chiarezza e si possono controllarle: non sarà un incontro occasionale a proporle. È facile invece che si tratti di una truffa. Il cui ideatore, una volta giunto a buon fine, si dissolverà nel nulla. Le truffe possono essere perpetrate di persona, al telefono o anche per posta, non esclusa quella che viaggia su Internet”.

Tra i numerosi consigli anche quello di “diffidare dalle apparenze” come “il sorriso cordiale, la massima disponibilità; molto spesso gli “amici” truffatori si presentano con un aspetto tranquillizzante. L’ideale per conquistare la vostra simpatia. E per introdurvisi abilmente in casa, pronti ad appropriarsi di denaro e gioielli”.
“Non aprite quella porta” è un altro importantissimo consiglio dei Carabinieri.

Un suggerimento da tenere sempre a mente davanti a un “funzionario del Comune o delle Poste, un incaricato dell’Inps o dell’Inail, un tecnico del gas o della luce perché nessuno di questi si presenta a casa senza preavviso”.

Infine, mai dare contanti agli sconosciuti o fidarsi di un tesserino che non sia identificativo. Dallo scorso mese di giugno, i Carabinieri della Compagnia di Barletta hanno iniziato, nelle parrocchie e nei centri di aggregazione, la distribuzione di un vademecum, sul quale sono indicati i consigli agli anziani per evitare le truffe. Un’iniziativa che mira, oggi più che mai, a sensibilizzare la cittadinanza più vulnerabile affinché ciascuno possa prendere piena contezza del fenomeno, e avere i giusti strumenti per difendersi.

Per eventuali informazioni e/o ulteriori dettagli. si prega di contattare il Cap. Federico Casini, cell. 334.6083277, Comandante della Compagnia Carabinieri di Barletta.

venerdì 22 Luglio 2022

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti