Eventi culturali

Suoni, parole, luci e antiche pitture: Il Saraò Acoustic Nights

Francesco Specchio
Saraò Acoustic Nights
Tutto questo, ieri sera, 29 luglio, al Museo Archeologico Nazionale
scrivi un commento 52

In una vivace serata di fine luglio che precede l’attesissima festa patronale, il Museo Archeologico Nazionale di Canosa di Puglia ha accolto i visitatori per lo spettacolo “Saraò Acoustic Nights”.

La kermesse rientrava all’interno della programmazione del Festival diffuso nei Musei di Puglia “TRENTADATE”. Questa rassegna, ormai al termine, è stata organizzata dalla Direzione Regionale Musei Puglia e dal Teatro Pubblico Pugliese e prevede lo svolgimento di una serie di iniziative culturali, dal 30 giugno al 30 luglio, presso vari musei e aree monumentali statali pugliesi, tra cui la sede cittadina di Palazzo Sinesi, tra l’altro al suo secondo appuntamento dopo il concerto per handpan tenuto il 2 luglio scorso da Maurizio Rana (Associazione culturale Mamamà).

Dunque, ieri sera 29 luglio, in un intrattenimento musicale durato poco meno di un paio d’ore, in una sala del Museo il duo foggiano composto da Giorgia Saraò e Marco Lacerenza ha deliziato i visitatori con una serie di pezzi canori italiani e stranieri, talvolta rivisitati, spaziando dal pop al rock, o al fado. Tra le celebri esibizioni possiamo ricordare “I believe I can fly” (R. Kelly), “What’s up” (4 Non Blondes), “No one” (Alicia Keys), “In the end” (Linkin Park) o “Ci vorrebbe il mare” (Marco Masini).
Le luci soffuse a tinte scure hanno caratterizzato la sala contribuendo a rendere ancora più melodioso l’effetto canoro espresso dai due artisti, determinando una sensazione di immersione e di coinvolgimento da parte di un pubblico numeroso, proveniente soprattutto da fuori città e anche dall’estero.

Al termine della performance, gli spettatori rimasti hanno potuto ammirare le pregiate ceramiche in esposizione lungo il percorso museale, come la collezione proveniente dall’Ipogeo Varrese (IV-III sec. a.C.), in una circostanza che si è rivelata un felice connubio culturale tra musica e antica pittura.

“Siamo molto contenti di essere tornati ad ospitare eventi nel nostro Museo grazie al Festival TRENTADATE organizzato dalla Direzione Regionale Musei Puglia e dal Teatro Pubblico Pugliese – come ha aggiunto la direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Canosa di Puglia, la dr Anita Rocco – Entrambi gli spettacoli, Maurizio Rana con i suoi handpan e il duo Giorgia Saraó e Marco Lacerenza, hanno offerto splendide performance in un’atmosfera intima e raccolta molto partecipata dal pubblico presente.”

sabato 30 Luglio 2022

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti